Novo Nordisk Spa Novo Nordisk S.p.A. Novo Nordisk S.p.A.
 
Cerca
 Cerca
Invia ad un amicoStampa

Media Prize 2009




novo nordisk
media prize 2009
changing diabetes with communication


August and Marie Krogh Medal 2009,
DAWN Award 2009,
Novo Nordisk Media Prize Italia 2009.

La cerimonia di premiazione Novo Nordisk Media Prize Italia 2009, patrocinata dal Senato della Repubblica, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, si è tenuta il 23 giugno 2009, nella Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani, uno degli edifici storici del centro di Roma, la cui struttura originaria risale al 1585.
Attualmente, Palazzo Giustiniani è la residenza del Presidente del Senato che ha messo a disposizione una delle sue sale più prestigiose, in vista dell'alto valore del Premio che, da tre anni, unisce in una lotta contro il diabete rappresentanti del mondo politico, scientifico, sportivo e dell'informazione.

Giunto alla sua terza edizione, organizzato dalla Novo Nordisk, promosso dall'Associazione Parlamentare per la tutela e il diritto alla prevenzione e da Diabete Italia, il Media Prize è il concorso che premia i migliori servizi giornalistici che parlano della realtà diabetologica.
Un premio unico, a livello nazionale, sul tema della salute e del diabete.“Con questo evento, nato nell'ambito del progetto Changing Diabetes, si è voluto sottolineare, ancora una volta, l'importanza della comunicazione per la prevenzione e la cura del diabete, soprattutto in vista dell'elevato numero di persone che sono ignare di avere il diabete. Si pensi che, solo in Italia, esse sono pari a circa 3 milioni” ha spiegato Lorenzo Mastromonaco, Vice President Novo Nordisk Europe.
Informare per sensibilizzare e per coinvolgere, sia le istituzioni che il grande pubblico, in una campagna conoscitiva su come prevenire e convivere con una patologia che, se affrontata con i giusti mezzi, può essere arginata.
Questo il ruolo fondamentale dei professionisti della comunicazione e del settore diabetologico che, affiancandosi a Novo Nordisk, si sono adoperati per diffondere inmodo incisivo, attraverso i media, tematiche mediche specifiche e, talvolta, complesse. Ad aprire la cerimonia di premiazione,insieme a Lorenzo Mastromonaco e alla giornalista Rai Marzia Roncacci, moderatrice dell'intero evento, il Sen. Antonio Tomassini, Presidente della XII Commissione Igiene e Sanità del Senato della Repubblica e Presidente dell'Associazione Parlamentare per la tutela e la promozione del diritto alla prevenzione. Dopo l'intervento del dott. Paolo Cavallo Perin, Presidente di Diabete Italia e della Società Italiana di Diabetologia, il quale ha sottolineato che “non bisogna perdere tempo prezioso e andare subito in ospedale se compare, improvvisamente, un dolore toracico o l'incapacità di compiere un movimento abituale”, si è dato il via alle premiazioni. Per iniziare, il conferimento dell' “August & Marie Krogh Medal” e delle medaglie dell'Associazione Parlamentare, per rendere omaggio agli enti, alle organizzazioni e ai professionisti che si sono fatti promotori di campagne sociali per la prevenzione di determinate patologie.
Una giuria presieduta dal Sen. Antonio Tomassini e composta da altri quattro membri, tra i quali la Sen.
Emanuela Baio, Segretario della Presidenza del Senato e Membro della Commissione Parlamentare per l'infanzia e della VI Commissione Permanente Finanze e Tesoro, ha conferito la Medaglia dell'Associazione Parlamentare e l'August and Marie Krogh Medal a personaggi d'eccezione e ad alcuni enti impegnati sul tema della salute.
UNICEF Italia, ha ricevuto il premio per la “Campagna mondiale dell'allattamento al seno"; l'AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) è stata premiata per la campagna “Usa bene i farmaci”, mentre, al Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, è stato conferito il premio per il programma “Guadagnare Salute”.
Per aver avvicinato il grande pubblico a tematiche mediche, talvolta, difficili da comprendere, hanno ricevuto il premio anche i programmi generalisti del TG2 Salute, di Elisir e di Vivere Meglio.
Una menzione di riguardo va fatta alla dott.ssa Margherita De Bac, premiata per aver pubblicato con Sperling&Kupfer “Siamo solo noi”, un saggio su come affrontare, con emotività e passione, alcune malattie rare tra le quali l'emofilia.
In seguito alla notevole importanza dell'educazione allo sport, nella prevenzione del diabete, equiparabile alla necessità dell'igiene alimentare, è stato conferito un riconoscimento speciale anche ad alcuni dei protagonisti del mondo sportivo.
Hanno ricevuto una medaglia Antonio Rossi, tre volte campione del mondo e emblema dello sport italiano, per essere un professionista dello sport, impegnato, da anni, nelle attività di sensibilizzazione pubblica sui temi della salute e dei diritti umani; Stefano Garzelli, ciclista della “Acqua & Sapone - Caffè Mokambo” che, insieme alla sua squadra, ha preso parte al progetto Changing Diabetes; infine, Maurizio Da Milano, più volte medaglia d'oro olimpica e due volte campionemondiale nella 20 km.

Nell'ambito del conferimento delle medaglie, sono state consegnate due Borse di Studio Novo Nordisk Italia “Comunicazione e Salute” a due studentesse che hanno scritto le migliori tesi di diabetologia, tra il 2005 e il 2008: Mariarosaria Ferraro, dell'Università degli Studi di Roma La Sapienza, e Gisella Cappellari, dell'Università degli Studi di Bologna.
Un riconoscimento per incentivare la ricerca e l'attenzione sul tema del diabete.
In seguito, con particolare attenzione ai progetti sociali, tre giurie d'eccezione hanno conferito tre Dawn Award 2009, dedicati a personalità eminenti che hanno dedicato la loro vita alla diabetologia.
Il Dawn Award 2009 “Premio Roberto Lombardi” per i progetti sociali promossi dalle Associazioni no profit operanti nel campo del diabete, consegnato dalla giuria presieduta dal dott. Marco Comaschi e dalla dott.ssa Paola Pisanti.
Il Dawn Award 2009 “Premio Roberto Sivieri” è stato assegnato a nquei progetti portati avanti dagli appartenenti alla classe medica, da parte della giuria presieduta dal dott. Adolfo Arcangeli e dal prof. Sandro Gentile.
Infine, la giuria presieduta dal dott. Marco Comaschi e dalla Sig.ra Rosetta Nocciolini ha dato il Dawn Award 2009 “Premio Lucia Zilli” ai progetti sociali realizzati in ambito infermieristico.
In ultimo, il conferimento del Novo Nordisk Media Prize Italia 2009 che, in relazione alla vasta gamma di mezzi di comunicazione di massa utilizzati, è stato dapprima strutturato in due fasi di selezione, una nazionale e una internazionale.

In seguito, sono state definite sette sezioni e una giuria di tredici membri, presieduta da Mario Morcellini, Preside della Facoltà di Scienze della Comunicazione dell'Università La Sapienza di Roma, ha premiato il miglior lavoro di ogni categoria, realizzato dai media generalisti nel periodo compreso tra il 1 maggio 2008 e il 30 aprile 2009, .
Mario Pappagallo, giornalista del Corriere della Sera, è stato il vincitore nella sezione “articoli della stampa quotidiana”, grazie all'elaborato “Emergenza Diabete”.
Nella categoria “articoli dei siti web”, invece, è stato premiato Luigi Ripamonti, medico specialista in chemioterapia e giornalista di Corriere.it., che ha pubblicato il servizio web “Prevenire il diabete giovanile”.
Silvia Finazzi, giornalista di Viversani & Belli, si è aggiudicata il premio della categoria “stampa periodica”, con l'elaborato “Vincere il diabete sin da piccoli”.
Una menzione speciale per la trasmissione radiofonica “28 minuti” di Radio2 è stata data a Barbara Palombelli, vincitrice della sezione “servizi radiofonici” insieme a Paolo Italiano, giornalista del Circuito nAREA, che è stato premiato per il servizio “Diabete: prevenzione nè protezione”. Nella categoria “servizi televisivi”, nsono risultati meritevoli del premio Andrea Rustichelli, giornalista di Radio Vaticana, e Valeria Maglia, giornalista di Telejonica. I due si sono candidati per il servizio “Emergenza terremoto in Abruzzo, con riferimento alla situazione del Servizio di Diabetologia dell'Aquila”.
Inoltre, è stata riservata una sezione anche ai documentari e, la documentarista della trasmissione GEO & GEO di Rai 3, Elfriede Gaeng, è stata premiata con il servizio “Il ciclista”.

Infine, la giuria ha rivolto un riconoscimento speciale al giornalista Andrea Sermonti, per la continuità del lavoro giornalistico sul diabete.
Tutti i membri della giuria si sono adoperati per valorizzare, quanto più possibile, i capisaldi della lotta contro il diabete, una patologia ma, anche, un fatto sociale ed economico.

Il Media Prize, quindi, è la celebrazione di un'informazione semplice, diretta ed efficace, di facile accesso per il grande pubblico. Un evento per rimarcare, ancora una volta, l'efficienza della sinergia tra professionisti del settore medico, di quello politico e del mondo sportivo, uniti da un elemento fondamentale: la comunicazione.


Revisionato Gennaio 2010